Babbo Natale e Coca cola che legame hanno?

Babbo Natale e Coca Cola che legame hanno?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Indice

Coca Cola non ha inventato Babbo Natale

Iniziamo l’articolo con il principale scoop, non è stata la Coca-Cola a inventare Babbo Natale.

O almeno, non è stata la bevanda gassata a inventare il personaggio mitologico: Babbo Natale esisteva già in diverse civiltà e ognuna di queste lo rappresentava con sembianze diverse.

Perché sì, questo personaggio esisteva ma sotto diversi aspetti.

Il simpatico vecchietto nella maggior parte dei casi era visto come un elfo vestito tutto di verde o come uno spirito guida, oppure in Germania veniva interpretato dal Dio Odino, nella credenza cattolica invece era San Nicola (vescovo del IV secolo) a prenderne le veci.

Tanti aspetti per un singolo personaggio, ma perché non dargli un aspetto internazionale e comune a tutti? 

Ecco quindi che entra in gioco Coca Cola!

Babbo Natale rappresentato come il Dio Odino, fonte wikipedia
Babbo Natale rappresentato come il Dio Odino, fonte wikipedia

Coca Cola ridisegna Babbo Natale

Siamo nel 1931 e Coca Cola ebbe l’idea di dare a Babbo Natale delle sembianze “umane”, ovvero rendere il personaggio come lo conosciamo oggi, un simpatico omone con la barba bianca.

Come riporta il sito di Coca-Cola Italia questa nuova figura è stata creata dall’illustratore Haddon Sundblom.

Il colore rosso non è grazie a Coca Cola

Va bene, Coca Cola ha disegnato il vecchietto con sembianze umane, ma il colore rosso è legato al colore del brand?

Si, ma il merito per il colore dell’abito di Babbo Natale va ad altri due personaggi.

Si tratta di Thomas Nast e di Louis Prang.

Il primo ha colorato il vestito di Babbo Natale, mentre il secondo l’ha riportato su una famosa cartolina Natalizia.

Le campagne natalizie e l’immagine del nuovo Babbo Natale

Tornando a Coca Cola possiamo ancora raccontare e lodare la capacità di utilizzare il personaggio di Babbo Natale nelle proprie campagne natalizie.

È da qui che la nuova immagine dell’omone vestito di rosso prende forma nella mente di tutta la popolazione mondiale, grazie alle campagne Coca Cola lega il personaggio al proprio brand rendendolo il proprio “ambasciatore”.

Nelle prime campagne infatti si vedrà il simpatico vecchietto entrare nelle case con regali e doni, trovando al posto del classico latte e biscotti una bottiglia di Coca Cola.

Genio indiscusso del marketing, il brand della bevanda gassata più apprezzata nel mondo, ci insegna come utilizzare il marketing per incrementare le vendite, la brand awareness e per legare una tradizione al proprio prodotto.

Trovo geniale come abbia inserito nelle proprie campagne pubblicitarie il caro omone rosso, rendendo e valorizzando ancora di più quelli che sono gli ideali della bevanda gassata: Condivisione, Ottimismo e Felicità

Proprio quello che rappresenta il caro Babbo Natale.

La coerenza tra i colori e gli ideali di Coca-Cola e Babbo Natale sono straordinari!

Coca-Cola negli anni ha saputo comunicare efficacemente i propri valori ed è uno dei principali motivi per il quale ha avuto sempre la meglio sulle altre bevande del settore.

È sicuramente uno di quei brand dal quale possiamo imparare tanto, anche soltanto come collegare una figura mondiale al proprio brand.

Fammi sapere sotto nei commenti se conoscevi questo legame di Coca Cola con Babbo Natale e se condividi con me che è stata una trovata di marketing davvero creativa e geniale!

Rimani aggiornato 

Iscriviti per ricevere ogni fine mese gli articoli e le novità di Spazio Marketing.

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *