Storie su linkedin

Le storie su Linkedin: Che storia!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Da oggi per 14 milioni di account italiani, presenti sul social network del lavoro e del business, sarà possibile condividere le storie sul proprio profilo e dureranno 24 ore.

Dopo aver testato questa funzionalità in altri paesi all’estero Linkedin ha deciso di allargare questa funzionalità anche in Italia, dando la possibilità di condividere contenuti brevi (massimo 20 secondi) e provare a stare al passo con i giovani.

Ovviamente le storie saranno legate sempre all’ambito professionale, ma dato la sua rapida crescita e dato l’arrivo nel mondo del lavoro dei più giovani abituati a questo strumento, Linkedin vuole ringiovanire la sua piattaforma e renderla più interattiva. D’altronde dietro ogni lavoro o azienda ci sono sempre e comunque le persone, questo nuovo strumento potrebbe rendere la piattaforma anche più umana dando spazio ai racconti personali.

I consigli sul cosa condividere ci vengono suggeriti da parte della piattaforma quando si apre la sua storia principale e sono:

  • Rituale del mattino
  • Il tuo libro preferito
  • Un momento speciale
  • Una vista della tua scrivania

Un’altro modo per aumentare le conversazioni tra i vari account è “la domanda del giorno” dove ogni giorno si potrà taggare qualcuno dei propri contatti e porli la domanda proposta, che ovviamente si presume ogni giorno cambierà. Quella di oggi 22 Ottobre è: @Menziona il tuo mentore e racconta in che cosa ti ha aiutato.

Insomma per non rischiare che la piattaforma perda la sua professionalità i contenuti suggeriti sono quelli legati all’ambito professionale, contenuti di qualità che possono raccontare la propria routine lavorativa, l’inizio di un progetto o la propria formazione. Mentre per le aziende potrebbe essere una buona occasione per pubblicare annunci di lavoro o piccole anticipazioni per il lancio di un nuovo prodotto.

Merito di questo nuovo progetto da parte di Linkedin è lo smartworking, infatti ora le persone per lo più lavorano da casa e potrebbero essere più portate a condividere la propria vita lavorativa.

Si vedrà tra qualche mese che piega avranno preso le storie su Linkedin, nel frattempo ciò che ti suggerisco è di studiare bene le sue funzionalità e di sfruttarle al meglio per aumentare la tua community!

Fammi sapere nei commenti che idea ti sei fatto in merito e se l’articolo è stato di tuo gradimento. Fa sempre piacere ricevere un feedback da parte tua! Grazie

Rimani aggiornato 

Iscriviti per ricevere ogni fine mese gli articoli e le novità di Spazio Marketing.

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.