Differenza tra marchio e logo

Marchio e logotipo/logo: che cosa cambia?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Perchè marchio e logotipo sono due cose diverse?

La verità? Anche io inizialmente ho pensato fossero due termini identici!

In effetti inizialmente si potrebbe pensare che il logo corrisponda a quella che è l’identità visiva del marchio e che quindi siano la stessa cosa.

Ma nella realtà non è così, o quanto meno potrebbe anche essere, ma nello specifico il logo è soltanto una parte del marchio.

La definizione di marchio è la seguente: l’insieme degli elementi che rappresentano e identificano una azienda.

Ma che vuol dire?

Con calma, alla fine dell’articolo capirai la vera differenza tra marchio e logo, più nello specifico capirai quali sono gli elementi che possono costituire un marchio e la vera definizione di logo.

Che cos’è un logo?

Il termine logo è semplicemente l’abbreviazione di logotipo. Deriva dal greco dove “logos” significa scritta e “typos” lettera.

Il logotipo è la rappresentazione grafica del marchio, viene interpretato da un lettering che rappresenta una parola o un acronimo.

Si tratta quindi della parte del marchio che possiamo leggere e pronunciare.

Ad esempio Apple, Nike, Barilla, Adidas e così via.

Questi sono i nomi delle aziende e vengono ritratti dal logotipo, come nella seguente immagine.

Differenza tra marchio e logo - Logotipo di adidas e apple

Il pittogramma, compagno del logotipo

Va bene, abbiamo capito che cos’è il logotipo, ma di solito questo non viene accompagnato da una immagine o qualcosa di simile?

Assolutamente si!

L’immagine (quella che non possiamo leggere ne pronunciare) si chiama Pittogramma.

Come esempio di pittogramma possiamo avere la mela morsicata da apple o il baffo di Nike.

Differenza tra marchio e logo - Pittogramma di apple e nike

Payoff

Arrivati a questo punto non possiamo ignorare il Payoff.

Il Payoff è la parte di copy che accompagna il brand fin dalla sua nascita, è l’identità dell’azienda.

Rappresenta la sua ideologia, la parola o frase che richiama nella mente del consumatore l’immagine del brand.

Appartiene anche lui quindi agli elementi che rappresentano un marchio.

Come esempi di payoff possiamo avere:

  • Barilla: “Dove c’è Barilla c’è casa
  • Adidas: “Impossible is nothing
  • Apple: “Think different

Questi 3 elementi uniti al nome, alla mission, ai colori e al font creano il marchio.

Questo può essere rappresentato anche soltanto da uno di questi elementi o da tutti insieme.

Marca e Marchio invece?

Ora che abbiamo capito che cosa si intende per marchio possiamo scavare più in fondo e vedere se è la stessa cosa dire marca.

Beh anche qui abbiamo delle differenze.

Il concetto di marca è ancora più ampio, rappresenta oltre al marchio, tutta la storia dell’azienda e come questa viene vista dai clienti.

Comprende il valore, l’esperienza, la reputazione e il posizionamento che ha sul mercato con i suoi prodotti e la sua comunicazione.

La marca vive all’interno della mente del consumatore.

È l’azienda, con tutte le sue caratteristiche, a definire il concetto di marca nella mente del cliente.

Ho mantenuto dunque alla mia promessa? Ti è più chiara la differenza tra marchio e logotipo? Spero vivamente di sì, apprezzerei se lasciassi un tuo commento anche per capire se sono riuscito nella mia missione!

Ti ringrazio per aver letto l’articolo, condividilo insieme ai tuoi amici e conoscenti per far conoscere anche a loro questa particolare differenza di terminologie.

Buona continuazione da Spazio Marketing: il tuo spazio, il tuo blog.

Rimani aggiornato 

Iscriviti per ricevere ogni fine mese gli articoli e le novità di Spazio Marketing.

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.