Come fare un buon pitch Vediamo insieme i punti importanti​ | Blog Spazio Marketing
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Il pitch per una startup – Strumento indispensabile

Chiunque voglia creare una startup lo sa, bisogna saper trasmettere la propria idea avendo poco tempo a disposizione. 

Perchè poco tempo? Le persone che ci vogliono bene ovviamente starebbero ad ascoltarci per ore e ore ma non sono loro che dobbiamo convincere, a meno che non vogliano investire su di noi.

Le persone da convincere sulla validità del nostro progetto sono gli investitori, e loro non hanno tanto tempo da spendere, ricorda che il tempo è denaro!

Bisogna quindi lasciare loro un ricordo della nostra persona, e della nostra idea, un biglietto da visita in poche parole.

Il pitch è il nostro biglietto da visita.

Come fare un buon pitch
Il pitch è il nostro biglietto da visita

Che cos’è il pitch?

Il pitch riferito in ambito startup è una breve presentazione fatta dal futuro imprenditore con l’obiettivo di portare finanziamenti da parte degli investitori.

Molte volte, per cercare investimenti interessanti, gli investitori si presentano a eventi e convegni in ambito startup e offrono la possibilità agli aspiranti imprenditori di proporre la loro idea.

A turno quindi bisogna presentare il proprio progetto con pochi minuti a disposizione. Di solito in media il minutaggio si aggira attorno ai 2 minuti.

Questa presentazione sarà dunque il nostro picth.

Vediamo dunque i principali consigli per tenere un buon discorso e provare ad essere ricontattati.

Incuriosisci 

La prima parte fondamentale è quella di attirare l’attenzione del pubblico.

Non annoiare andando troppo nel dettaglio ma cerca di incuriosire chi ti sta ascoltando!

Focalizzati sulla value proposition del progetto ma senza spiegare per filo e per segno tutte le varie caratteristiche, devi incuriosire e far si che vogliano farti delle domande.

La tua idea è unica e piena di contenuti, loro lo sanno che non hai tanto tempo, per cui punta sugli aspetti più importanti e vedrai che poi saranno gli investitori a volerne sapere di più.
 

Sei Unico

A proposito di idee uniche, tira fuori la tua unicità.

Gli investitori si trovano vari startupper davanti a loro, e tu sei soltanto un altro numero. Non è così, tu vali e sei diverso, cerca di diversificarti e di farti notare!

Fai attenzione al tono di voce e agli aspetti del linguaggio del corpo, tieni lo sguardo alto e cerca di vederli in faccia.

Dimostrati sicuro del tuo progetto e che tra tutti quelli che presentano tu sei quello diverso, sei quello che va fuori dagli schemi e che non ha paura di provarci!

Cerca di collegare la tua unicità alla tua idea. Se presenti ad esempio un progetto sull’ambiente non dico che devi vestirti da albero ma inventati qualcosa che ti faccia ricordare insieme alla tua startup.

Meno parte scritta

Non bombardare la presentazione con tanto testo, e magari con font difficili da leggere.

Non è così scontato sai, molte volte non si fa attenzione alla coerenza dei colori e si tende ad esagerare, creando così confusione al contenuto.

Piuttosto inserisci immagini accattivanti che richiamino l’attenzione e confermino ciò che in quel momento stai dicendo!

Rimangono più impresse le immagini che le parole, ricordatelo!

Preparati

Preparati prima!

Anche questo sembrerà scontato ma non lo è!

Fai come se il tuo pitch fosse una maratona da correre, non puoi affrontare una tale sfida senza allenamento, concordi?

Chiedi ad un amico o a qualcuno della tua famiglia di ascoltare il tuo discorso e fatti dare dei feedback, chiarisci da subito di essere severi!

Se no c’è sempre lo specchio a tua disposizione.

L’importante è che il discorso sia chiaro nella tua testa e che tu ti senta sicuro davanti ad un grande pubblico.

Contenuto

Il contenuto non deve risultare lungo, ricordati che avrai soltanto due minuti a disposizione e che le immagini sono importanti.

Cerca di inserire le informazioni più importanti e quelle che riguardano il tuo settore.

Come dicevo prima fai attenzione ai font e ai colori, adattali a seconda del target.

Cerca di informarti su quali investitori saranno presenti e che tipi di contenuti piace, su che tipi di settore sono più esperti.

Adatta quindi il contenuto a questo target.

Andremo nel prossimo articolo ad approfondire meglio la tipologia di contenuti che deve contenere un buon pitch. 

Spero di esserti stato d’aiuto!

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi amici e se hai una opinione lasciala pure sotto nei commenti!

Se vuoi invece rimanere aggiornato su tutte le notizie del blog puoi iscriverti alla newsletter che trovi nel riquadro vicino agli articoli.

Ti ringrazio per l’attenzione e ti auguro una buona giornata!

Rimani aggiornato 

Iscriviti per ricevere ogni fine mese gli articoli e le novità di Spazio Marketing.

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.